Come segnalato alcuni giorni addietro, la Federazione Giovanile Comunisti Italiani di Taranto ha denunciato il degrado in cui versano le spiagge di Lido Azzurro e Marina di Ferrara, causato, oltre dall’abbandono degli organi preposti per la pulizia, dall’incuria e dall’incivilt di alcuni bagnanti.

Perci, al fine di poter dare un segnale positivo alla cittadinanza, una decina di militanti del nostro circolo giovanile, armati di guanti e rastrelli, hanno pulito nella mattinata di venerd 17 agosto la spiaggia che confina tra le due marine gi citate

L’iniziativa ha avuto un notevole riscontro perch, oltre a ridare una parvenza di “normalit” ad un tratto di litorale ridotto in condizioni pressoch disdicevoli, ha visto l’appoggio di diversi abitanti del posto, che ci hanno affiancato in questa iniziativa al fine di poter dare un segnale di rottura al menefreghismo che, purtroppo, da sempre contraddistingue il rapporto tra i bagnanti e il rispetto delle spiagge.

Spesso i cittadini addebitano le colpe della sporcizia di spiagge, strade o marciapiedi alle istituzioni preposte.

Crediamo che, al di la delle mancanze che esse possano avere, non c’ alcun comune che possa risolvere un problema essenzialmente derivato dalla pi totale negligenza.

Trovare su un tratto di costa, affiancato dalla pi grande pineta del Sud Italia, ogni genere di rifiuti, dai copertoni agli scarti alimentari, passando per i frigoriferi e le lavatrici, qualcosa che ci ha lasciato completamente basiti di fronte a tanta volont di distruggere le nostre stesse bellezze paesaggistiche.

Ci auguriamo che questa iniziativa non sia solo servita a consegnarci qualche pacca sulla spalla o qualche consenso in pi, bens sia un esempio per come poter ricominciare ad amare e rispettare la nostra citt che, come ripetiamo sempre, vive un dissesto non solo dal punto di vista economico, ma anche culturale.