“Gli autobus in circolazione sono in condizioni pietose, in numero esiguo e circolano in città grazie al sacrificio degli autisti, gli stessi autisti definiti dal presidente Amat “assenteisti”. E’ il grido di rivolta dei lavoratori dell’Amat che, attraverso le segreterie aziendali Filt Cgil, Uiltrasporti, Ugl Trasporti e Sinai, chiedono un incontro al sindaco.

Articolo TarantoSera