Sul dibattito in corso sulla questione socialista e sul nascente Partito Democratico, riceviamo e pubblichiamo il seguente intervento di Ennio Pascarella: La costituente socialista, per non essere un ulteriore tentativo ripetitivo, quasi obbligato ad ogni scadenza elettorale, deve intrecciarsi con l’irrisolta questione socialista, intesa non soltanto come ricomposizione della diaspora nata dopo il 1994, ma come mancata presenza in Italia di una grande forza socialista. L’obiettivo tornato di grande attualit; al centro del dibattito politico nel centro sinistra e si proietta nella costruzione di una moderna sinistra di governo che racchiude l’esigenza prioritaria di governabilit nel Paese e di cambiamento della societ italiana, affidandosi al metodo gradualista per realizzare le riforme. Gli eventi del 1992-93 sono stati determinanti nel provocare la crisi irreversibile dei partiti storici e tra questi del Psi dal quale hanno avuto origine diversi micro-partiti, inspiegabilmente collocati su posizioni contrapposte e, in qualche caso, finanche innaturali, come quello del nuovo Psi nel centro-destra.

Articolo TarantoSera