Venivano pagati per smaltire sostanze tossiche che in realtà utilizzavano come fertilizzanti. Tra i cinque imprenditori arrestati a Bologna dai carabinieri del Noe c’è anche un tarantino. Si tratta del trentaquattrenne Pietro Mandorino.

Articolo TarantoSera