La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

Uno spietato omicidio e una raffica di attentati incendiari. Segnali di una mala in fermento che sembra pronta a rilanciare la sfida alle istituzioni. Ed è così che la sicurezza diventa il nuovo fronte dell’emergenza Taranto. «Siamo di fronte ad una recrudescenza che stiamo affrontando, ma per favore non parliamo di mafia». Smorza l’allarmismo il colonnello Adolfo Pecone, comandante provinciale dei carabinieri. Brindisino di nascita è a Taranto da un anno e quattro mesi. La sua lettura del momento è preoccupata,

Leggi l'articolo e dacci un parere...