La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - « Non sono un usuraio». Si è difeso così, dinanzi al gip, il quarantaseienne lizzanese Cosimo Surgo, arrestato nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza per presunti prestiti a strozzo. L’agricoltore, che vive in una villa bunker munita di telecamere e di piscina, assistito dall’avvocato Franz Pesare è comparso dinanzi al giudice delle indagini preliminari, la dottoressa Patrizia Todisco, alla quale ha riferito di aver fatto un prestito, ma non con tassi usurari, ad uno solo dei suoi accusatori.

Leggi l'articolo e dacci un parere...