La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

GROTTAGLIE - Un messaggio chiarissimo: «Paga o ti ammazziamo». Una richiesta estorsiva da 20.000 euro, rinvenuta giovedì mattina nella cassetta delle lettere dell’abitazione del sindaco di Grot-taglie, Raffaele Bagnardi, fa tornare di prepotente attualità il tema delle minacce ai sindaci della provincia ionica. A rivelare il pesante atto intimidatorio subito da Bagnardi è stato ieri sera il vice segretario del Partito Democratico nella città delle ceramiche, Carmine Trani, nel corso di un’assemblea pubblica del partito. Nel plico recapitato a mano anche

Leggi l'articolo e dacci un parere...