La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Il timore è che le lavorazioni e i finanziamenti destinati all’Arsenale di Taranto prendano altre strade. Per questo oggi riprendono le manifestazioni di protesta dopo che, una ventina di giorni fa, anche a seguito delle nuove prescrizioni sui bacini, si vide da molto vicino lo spauracchio della chiusura dello stabilimento della Marina. Queste le tappe della nuova mobilitazione. Due cortei, sostenuti da tutte le sigle sindacali: il primo è partito stamattina alle 9,30 dal cancello principale. In marcia il

Leggi l'articolo e dacci un parere...