La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Un mestiere tramandato di generazione in generazione che oggi rischia di scomparire. E’ una delle amare riflessioni dei pescatori tarantini da due giorni in sciopero contro il caro-gasolio. Spese alle stelle e guadagni miseri. E’ vera crisi. Le bollette salate per il carburante (tremila euro al mese di media che schizzano a settemila per le imbarcazioni più grandi, dicono) sono solo la punta dell’iceberg. Una serie di problemi rischiano di mettere il settore in ginocchio. Li incontriamo in via

Leggi l'articolo e dacci un parere...