La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Avevano sperato nell’aiuto della Regione, attraverso il contributo “prima dote per i nuovi nati”. E invece i loro piccoli li stanno vedendo crescere unicamente a costo di sacrifici. Dell’assegno mensile -seppure di non grossa entità, essendo all’incirca di duecento euro (per un massimo di 2.400 euro annui)- ancora neanche l’ombra. Attendono ancora la pubblicazione delle graduatorie, a più di un anno dalla presentazione delle domande. Si rivolgono al Comune che, nell’ambito dei Piani di Zona, gestisce i fondi e

Leggi l'articolo e dacci un parere...