La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Per fortuna che le acque non sono risultate inquinate. Altrimenti avremmo finito per mettere nei guai migliaia di persone che a Lido Bruno si sono tranquillamente tuffate per tutta l’estate. Scopriamo che già da marzo in quello specchio di mare era stato imposto il divieto di balneazione, su ordinanza del sindaco. Il perché lo spiega l’assessore comunale all’ambiente Sebastiano Romeo: la legge impone che non ci si può fare il bagno a 500 metri di distanza degli scarichi in

Leggi l'articolo e dacci un parere...