La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Dal 2005 la giornata del 10 febbraio è dedicata alla commemorazione dei morti e dei profughi italiani, gettati dai partigiani comunisti jugoslavi di Tito, spesso ancora vivi, nelle foibe, voragini naturali disseminate sull‘altipiano del Carso.La Uil di Puglia ricorda anche quest’anno l’esodo delle popolazioni Fiumane, Istriane e Dalmate, per onorare la memoria delle circa diecimila persone che tra il 1943 ed il 1945 vennero torturate ed uccise nelle foibe carsiche.Poiché quest’anno la giornata ricorre in un giorno festivo, domenica,

Leggi l'articolo e dacci un parere...