La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Da settembre i detenuti potrebbero rimanere privi di assistenza sanitaria. I sindacati lanciano l’allarme poiché tra pochi giorni si conclude l’iter riguardante il trasferimento delle funzioni dal servizio sanitario penitenziario al servizio sanitario nazionale, come prervisto dal Dpr dell’aprile scorso. Medici e infermieri in servizio nelle case circondariali non dipenderanno più dal Ministero di Grazia e Giustizia ma dalla Regione. Il loro lavoro quindi passerà attraverso le decisioni dei dirigenti Asl. Secondo il Sappe, il sindacato di polizia

Leggi l'articolo e dacci un parere...