La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

«Quando apro il rubinetto dell’acqua, mi viene in mente l’immagine della donna africana col suo bimbo legato alla schiena, che porta una grande bacinella sulla testa ed il sorriso sempre sulle labbra, pur sapendo che dovrà fare molti chilometri a piedi per portare l’acqua dal pozzo alla sua casa. Ma lo fa volentieri perché quando va al pozzo trova il posto ideale per poter scambiare quattro chiacchiere». Sono le parole con le quali la congolese Marie Lydie Guedema ha ricordato la

Leggi l'articolo e dacci un parere...