La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Processo da rifare, questa volta davanti ai giudici della Corte d’Appello di Lecce. L’imputato, d’eccezione, è Rossana Di Bello. Il caso, quello dell’inceneritore. Processo bis, oggi, per l’ex donna forte della politica di casa nostra. La vicenda giudiziaria in cui è incappata la Di Bello, adesso all’attenzione dei giudici salentini, ruota attorno all’affidamento della gestione dell’inceneritore all’ati guidata da Termomec-canica, una commessa pubblica da 170 miliardi di vecchie lire spalmati in dieci anni. «Annullamento con rinvio ad altra sezione

Leggi l'articolo e dacci un parere...