La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO -Scandalo al porto: dal gip il presidente dell’Autorità portuale, Michele Conte e il manager Giancarlo Russo, finiti agli arresti domiciliari con le accuse di corruzione, falso ed abuso. Stamattina Conte, difeso dall’avvocato Carlo Petrone e Russo, assistito dagli avvocati Egidio Albanese e Arnaldo Sala, sono comparsi dinanzi al gip Patrizia Todisco. Nel mirino della magistratura la collaborazione stipulata da Conte con la Sisamtrans di Livorno che, come la tarantina Tct, fa parte del gruppo Maneschi. Un incarico da 95mila euro

Leggi l'articolo e dacci un parere...