La presente notizia è prelevata per mezzo di feed Rss del servizio "TarantoSera"

TARANTO - Ci sono sette indagati per la morte di Antonio Mingolla, operaio 47enne di una ditta dell’appalto Ilva, che ha perso la vita il 18 aprile del 2006 a causa delle esalazioni di gas tossici. Mingolla stava effettuando lavori di manutenzione all’interno del reparto Afo 1 su una passerella, a circa 20 metri di altezza. Nonostante l’uomo avesse in dotazione la maschera di protezione, la presenza di monossido di carbonio è stata per lui fatale. Il pubblico ministero, Italo Pesiri,

Leggi l'articolo e dacci un parere...